borgo medioevale torino

Il Borgo medioevale di Torino

Nel 1884 la città di Torino ospitò l’Esposizione Universale, per l’occasione la città volle celebrare l’architettura e l’arte medioevale italiana costruendo la riproduzione di un borgo nel Parco del Valentino.
Artisti, storici ed architetti progettarono una fedele riproduzione di un borgo tardo medievale, che comprendesse le migliori e più tipiche costruzioni piemontesi e valdostane: case, piazze e chiese, protette da mura e dall’imponente rocca.
Tutto doveva essere abbattuto al termine della manifestazione, tuttavia il risultato era così bello che la città decise di mantenerlo.

borgo medioevale torino

Per entrare nel borgo bisogna attraversare il ponte levatoio, superato il quale il visitatore può immergersi in un mondo sospeso nel tempo. C’è il forno del pane, fontane ed abbeveratoi per cavalli, la fucina del maniscalco, la cartiera perfettamente funzionante ed anche l’ospizio dei pellegrini.
Le case richiamano gli stili dell’epoca, come Casa Bussoleno, che si ispira alla dimora Aschieri a Bussoleno (Val di Susa), dove si trova la casa e la bottega del fabbro, Casa Avigliana, che riproduce la facciata di Porta Ferrata nell’omonimo borgo, la torre di alba richiama, invece, la struttura del paese delle Langhe nella parte inferiore ed il castello di Verzuolo in quella superiore.

borgo medioevale torino

La Rocca è l’edificio più bello ed in vista del Borgo e riproduce perfettamente una dimora signorile fortificata, nello stile sabaudo del XV secolo.
e stanze sono riccamente decorate ed arredate con mobili, tessuti ed oggetti dell’epoca: dalla sala baronale, a quella da pranzo, dalle cucine al camerone degli uomini d’arme, fino alla tetra prigione.
Dalla Rocca si accede ad un grazioso giardino medievale, costruito nel 1996 seguendo le indicazioni tratte da miniature, libri e dipinti dell’XI e XV secolo.
Il parco si divide in tre zone: il Giardino delle Delizie, adiacente al castello, dove i nobili potevano passeggiare tra le piante ornamentali; il Giardino dei Semplici, con le piante officinali e utili, e l’Orto con alberi da frutto e ortaggi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *