Museo Marmolada Grande Guerra

museo marmolada

Il Museo Marmolada Grande Guerra è uno straordinario polo museale dedicato alla Prima Guerra Mondiale.
Si tratta di un museo unico, essendo il museo più alto d’Europa, che si trova a quota 3000 metri d’altezza, all’interno della stazione funiviaria di Serauta.
Proprio in questi luoghi, l’esercito italiano e quello austro-ungarico si affrontarono dandosi a lungo battaglia tra il 1916 ed il 1917.

Storia del Museo Marmolada

Il Museo Marmolada è stato ideato da Mario Bartoli e finanziato da Bruno Vascellari. Dedicato alla memoria dei Caduti nella Grande Guerra, il Museo della Marmolada è stato inaugurato il 9 giugno 1990.
Nel 2015, l’associazione Museo della Grande Guerra in Marmolada Onlus e la società Marmolada Srl hanno deciso di effettuare una ristrutturazione completa. I lavori sono iniziati in occasione della commemorazione del Centenario della Grande Guerra.

museo della grande guerra


Durante il conflitto, tra le cime e i ghiacciai delle Dolomiti vennero individuate posizioni strategiche fondamentali per il controllo delle valli. Furono quindi costruiti avamposti per le truppe dislocate ad alta quota dove, attraverso il trasporto a spalla o con muli, venivano portate munizioni, viveri, attrezzi, materiale da costruzione e legname.
Questi sono i luoghi del Museo Marmolada Grande Guerra.

Museo Marmolada – L’esposizione

Nel Museo trovano posto cimeli personali e di guerra appartenuti a soldati italiani e austro-ungarici, con foto e documenti d’epoca. Si possono poi osservare gli avamposti militari ed i camminamenti che li collegano.
Ma quella che in origine era una mostra di soli cimeli, reperti, armi, divise e documenti si è trasformata, dopo la ristrutturazione, in una vera e propria esperienza sensoriale.
Con l’obiettivo di far “sentire” ai visitatori l’ambiente della guerra, combattuta proprio in quei luoghi, si è realizzato un tecnologico percorso interattivo, multimediale e multisensoriale. Il visitatore viene guidato nel racconto della guerra in Marmolada attraverso le testimonianze degli uomini che si sono realmente trovati a combatterla. Un diario narrante è il filo conduttore che racconta l’interiorità dei soldati e i loro stati d’animo.
Si punta tutto sul trasmettere al visitatore emozioni e sensazioni per riuscire ad immedesimarsi nelle difficoltà di quella guerra tra i ghiacci.
Presenti anche la ricostruzione fedele di una trincea ed un tunnel espositivo dedicato alle diverse realtà belliche. Non mancano vetrine tematiche, fotografie, contenuti multimediali e filmati d’epoca.

museo della marmolada

L’unicità del Museo Marmolada

Con questo concept assolutamente innovativo, Il Museo Marmolada vuol coinvolgere il visitatore trasmettendogli forti emozioni e “congedandolo” con un grande insegnamento, legato al concetto di umanità. Bisogna andare oltre le origini, la politica e l’odio della guerra. Gli uomini sono tutti uguali, con interiorità fortissime che vengono qui splendidamente raccontate.
Attraverso i cimeli di soldati di ogni nazionalità si vogliono rimarcare i valori di fratellanza tra i popoli ed il rifiuto per le soluzioni cruente come la guerra. Ed il modo migliore per farlo è raccontando la vita e le emozioni di tutti quegli uomini che, in un tormentato periodo storico, hanno dimostrato spirito di sacrificio. Resistendo in un luogo tanto impervio, nella speranza di un futuro migliore.

museo marmolada

Museo Marmolada – Come Arrivare

Il Museo Marmolada è facilmente raggiungibile attraverso il servizio funivia. In pochi minuti si arriva comodamente sul posto, servendosi della Funivia Marmolada – Move To The Top e partendo da Malga Ciapèla.

funivia marmolada

Biglietti Museo della Grande Guerra

L’ingresso al museo è compreso nel costo del ticket della funivia.

  • I gruppi dovranno essere di minimo 20 persone, sarà inoltre riconosciuta una gratuità ogni 20 persone.
  • Ragazzi fino a 14 anni biglietto ridotto.
  • Bambini fino a 6 anni gratis.
  • Info prezzi skipass su www.funiviemarmolada.com

Trovate QUI il dettaglio dei prezzi a seconda del punto di partenza della Funivia.

Potrebbe interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *