Visitare la Città Proibita

Nella nostra mente la Città Proibita è più un mito, il simbolo di un mondo fiabesco e lontano, che un luogo reale. Il centro del potere della Cina imperiale, invece, è un posto tanto suggestivo quanto reale ed è certamente uno dei più grandi patrimoni dell’umanità.
L’estensione dell’area è davvero immensa, oltre 700 mila chilometri quadrati, in pratica una città dentro la città, Zijin Cheng (Città purpurea) era formata da un insieme di palazzi, templi ed edifici, racchiusi da possenti mura, in cui viva la famiglia imperiale.
La Città Proibita
fu costruita 1406 su ordine, quando l’imperatore Ming Zhu Di riportò la capitale a Pechino, e fino al 1911 fu la residenza di 24 monarchi.

visitare la città proibita

L’area è circondata da possenti mura, alte circa 10 metri, con possenti torri di guardia ai quattro lati, e da un largo fossato difensivo.
Per accedere nelle zone più importanti bisogna prima oltrepassare l’ingresso principale, la Porta Meridiana, e poi la Porta della Suprema Armonia, a questo punto ci si trova nella celebre piazza, immortalata da innumerevoli film, dove avvenivano le parate militari e le celebrazioni più importanti. Sul piazzale incombe il Palazzo della Suprema Armonia, costruito su terrazza di pietra banca ed alto 40 metri, è l’edificio più alto ed imponente di tutta la Città Proibita, qui, infatti, si tenevano le cerimonie più importanti e l’imperatore discuteva con i suoi dignitari, seduto sull’imponente trono dorato.

Al di là del palazzo si trova la corte interna, dove viveva la famiglia imperiale, in particolare, il Palazzo della Purezza Celeste, che rappresentava lo Yang, era la residenza dell’imperatore, nel Palazzo della Tranquillità Terrestre, ovvero lo Yin, viveva la prima moglie, mentre il Palazzo dell’Unione si trovava tra i due per rappresentare le’equilibri tra i due elementi.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=OBKEECuA-Z0&feature=related[/youtube]

Tutt’intorno agli edifici principali si trovano altri palazzi minori, riservati alle concubine ed ai figli dell’imperatore, oltre a templi e giardini riccamente decorati.
Oggi visitare la Città Proibita è come fare un salto indietro nel tempo, per ammirare i tesori degli imperatori all’interno delle sale si trova un museo che espone arredi, oggetti vari e parte del tesoro imperiale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *