Ferrovia storica della Val D’Orcia

Le ferrovie storiche sono un progetto nato negli ultimi anni, partito con l’intento di non lasciare al degrado le linee abbandonate, bensì di riutilizzarle a fini turistici.
Abbiamo già parlato del Trenino Blu del Lago di Iseo, un bellissimo esempio di fusione tra ecologia, trasporto e turismo, altrettanto positiva è l’esperienza della linea Asciano-Monte Antico.
Chiuso negli anni ’90, il tratto ferroviario è stato riportato in vita dalla Provincia di Siena, grazie al progetto Treno Natura.

treno storico val orcia
La tratta Asciano-Monte Antico è diventata la ferrovia turistica della Val D’Orcia e durante i giorni festivi accompagna i turisti in un bellissimo viaggio tra le colline e la campagna toscana.
Le carrozze sono guidate da automotrici d’epoca restaurate, ma se siete fortunati, potrete viaggiare trainati da autentiche locomotive e vapore in carrozze “centoporte”, attive solo in alcune giornate.
Il viaggio attraverso la Val D’Orcia tocca terre e paesi poco conosciti dal turismo di massa e rappresenta un’occasione per scoprire paesaggi unici.

Il treno si ferma nei vari paesi dando così modo ai passeggeri di visitare i borghi, le antiche pievi, i sentieri ed i castelli medioevali della Toscana, senza dimenticare di fare almeno un assaggio dei prelibati prodotti tipici come salumi e formaggi o assaporare un sorso dell’ottimo vino del territorio.
Dopo la partenza dalla stazione di Asciano si incontra la bellissima l’Abbazia di Monte Oliveto Maggiore, per poi proseguire tra le colline senesi della Val dell’Asso.
Oltrepassate la storica di stazione di Torrenieri-Montalcino, si entra nella zona dei vigneti, qui si realizza il prelibato vino Brunello.
La Val D’Orcia propriamente detta inizia dopo la galleria di Casalta, da qui incontrerete i paesi che si trovano ai piedi del Monte Amiata, il vulcano spento più alto d’Italia.
Il viaggio prosegue verso la Maremma, passando vicino al castello di Poggio le Mura (dove si trova il museo del vetro) e termina nella stazione di Monte Antico.

Please follow and like us:
error

Potrebbe interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facebook
Instagram
LinkedIn
Twitter
Pinterest
YouTube