Week-end a Vienna

Vienna, capitale dell’Austria, è pervasa da un’atmosfera elegante e romantica. Questa città, che ospitò grandi intellettuali e musicisti, fu per secoli uno dei centri di potere dell’Europa.
Passeggiando lungo la Ringstrasse si possono vedere alcuni dei più bei palazzi e monumenti di Vienna. Questa via sorge sulle rovine delle antiche mura cittadine, demolite nel 1857, ed oggi offre una panoramica di diversi stili architettonici: neogotico, rinascimentale, barocco. Tra i siti di maggior interesse si trovano: la Cassa di Risparmio Postale di Otto Wagner, il Museo d’Arte Applicata, lo Stadtpark, l’Opera di Stato, il Museo di Belle Arti e il Museo di Storia Naturale, il Parlamento, il Burgtheater, l’Università e la Borsa.

Dalla Ringstrasse si può arrivare alla Hofburg, la grandiosa residenza imperiale degli Asburgo. Questa piccola cittadella è formata da un complesso di palazzi, giardini, torri, scuderie e cappelle. All’interno del palazzo Hofburg si trovano oggi importanti musei e la Scuola di equitazione spagnola.
Il Duomo di Santo Stefano fu costruito nel 1147 e rappresenta un capolavoro dello stile gotico. La caratteristica principale della chiesa è il bizzarro contrasto tra le linee severe ed il grigio della pietra con le vivaci tegole in maiolica smaltata. Salendo i 343 gradini della torre sud, si può ammirare uno splendido panorama di Vienna.

Per terminare con leggerezza la prima giornata del week-end a Vienna, si può trovare un po’ di svago e di relax al Prater: il ritrovo preferito dai Viennesi è un immenso parco verde che racchiude un parco giochi. La ruota panoramica è ormai uno dei simboli di Vienna, visitando il Volksprater si possono vedere più di 250 giostre, molte delle quali sono oggi introvabili, come i baracconi del tiro a segno, le figurine meccaniche ed il trenino dell’orrore.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=fS4NWFtj18w&feature=player_embedded[/youtube]

Il secondo giorno del week-end a Vienna dovrebbe contemplare la visita ad uno dei luoghi storici dell’epoca imperiale. Il bellissimo e famoso è lo Shoenbrunn, la residenza estiva della famiglia imperiale. Questo maestoso palazzo barocco fu il preferito dell’inquieta imperatrice Sissi, che amava passeggiare nel suo grande parco, nascondendosi nell’immenso labirinto. Nella Sala degli Specchi Mozart eseguì il suo primo concerto reale. All’interno del palazzo è possibile visitare il Museo di Sissi, la Casa delle Palme, la Gloriette e il Giardino Zoologico.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=naMl2rTlYhc&feature=player_embedded[/youtube]

Prima di ripartire visitate gli splendidi castelli del Belvedere, al cui interno si trova il magnifico il Bacio di Klimt.
Un’ultima annotazione, non si può passare un week-end a Vienna senza assaggiare il dolce principe della cucina austriaca, la favolosa torta di cioccolato sacher.

Altri articoli

Musei Virtuali On line da vedere

Visitare i musei è sempre un’ottima scelta, per immergerci nell’arte, nella storia e nella creatività. Un piacere cui non siamo costretti a rinunciare neanche in questo complicato momento storico, grazie ai musei virtuali online. Diverse strutture museali in tutto il mondo, infatti, sono visitabili comodamente da casa, attraverso l’utilizzo della più avanzata tecnologia che permette di vivere degli straordinari tour virtuali.

Londra, meta perfetta per ogni viaggio

È sempre difficile scegliere la meta perfetta per un viaggio, soprattutto quando lo si programma in compagnia. Trovare un luogo che soddisfi tutti i requisiti e gusti potrebbe sembrare un’utopia, invece la risposta a tutte le esigenze di un viaggiatore c’è. Londra è capace di offrire ad ogni turista un soggiorno unico e “su misura”.

Visitare Ronciglione in provincia di Viterbo

Il paese di Ronciglione si trova nella Tuscia, la provincia di Viterbo, ad ovest del Lago di Vico, a circa 50 km da Roma. E’ un comune di circa 9000 abitanti che sorge sui Monti Cimini, famoso anche per esser stato la location di diverse pellicole cinematografiche e per i suoi grandi eventi annuali come il “Carnevale di Ronciglione” o le “Corse a vuoto” dei cavalli.