Visita al Giardino di Ninfa

visita al giardino di ninfa

Lo splendido Giardino di Ninfa è gestito dalla Fondazione Roffredo Caetani e, secondo il New York Times, è “il giardino più bello e romantico del mondo”.

Si tratta infatti di luogo incantevole, incontaminato e di incredibile bellezza, dove “perdersi” nella natura tra piante rarissime e fauna selvatica che ne fanno, di fatto, una vera e propria oasi di pace e meraviglie naturalistiche.

Storia del Giardino di Ninfa

Realizzato nel 1921 dalla nobile famiglia romana Caetani, il Giardino è un vero e proprio monumento naturale, un angolo di meraviglioso verde situato nel territorio del comune di Cisterna di Latina, al confine con Sermoneta e Norma.

Gelasio Caetani bonificò la zona in cui oggi sorge il giardino restaurando alcuni ruderi della scomparsa cittadina medievale di Ninfa, in particolare la torre ed il municipio, per farne una residenza estiva.
Nel frattempo, la madre Ada Wilbraham vi piantò diverse specie botaniche portate in Italia dai suoi numerosi viaggi all’estero.

Al giardino, che crebbe rigoglioso per l’ottimo clima di Ninfa, venne data una struttura “all’inglese”, e divenne ben presto meta di personalità illustri come scrittori, poeti e politici.

L’ultima erede del casato, Lelia Caetani, prima della sua morte diede vita alla fondazione Roffredo Caetani, cui lasciò il giardino e la gestione del parco, divenuto oasi del WWF nel 1976 a sostegno della flora e della fauna del luogo.

Cosa troverete nei Giardini di Ninfa

Tra le rovine della città medievale ammirerete le fioriture delle piante provenienti da ogni angolo del mondo, che crescono rigogliose grazie al microclima della zona.
Il Giardino di Ninfa è grande 1.800 ettari ed ospita circa mille piante delle più diverse e rare specie. Noce americano, acero giapponese a foglia rosa, pino a foglie di color argento, pino dell’Himalaya, meli ornamentali sono solo alcune di esse.

Nel giardino si possono ammirare anche diversi roseti, una bigonia gialla, un pino messicano, un’acacia sudamericana, un cotinus coggygria ed un cedro sul cui tronco è poggiata una tillandsia, pianta senza radici che ricava il nutrimento dall’umidità dell’aria.

visita ai giardini di ninfa

Inoltre, alcune meravigliose chiese come San Pietro fuori le mura, San Salvatore e San Paolo si trovano in angoli del Giardino solitamente non accessibili al pubblico.

L’area si trova sulla traiettoria di una delle principali rotte migratorie percorse da uccelli che, provenienti dai paesi africani, si trasferiscono in varie aree dell’Europa.
Dopo la creazione dell’oasi WWF, nella zona si sono registrati arrivi di alzavole, germani reali, canapiglie, aironi, pavoncelle e alcune specie di rapaci.

giardini di ninfa

Visita ai Giardini di Ninfa

Il giardino, da marzo a novembre, è visitabile su prenotazione da effettuarsi sul sito ufficiale del Giardino di Ninfa.

Queste le date disponibili:

  • MAGGIO
    Domenica 31
  • GIUGNO
    Martedi 2, Sabato 6, Domenica 7 e Domenica 21
  • LUGLIO
    Sabato 4, Domenica 5, e Domenica 19
  • AGOSTO
    Sabato 1, Domenica 2 e Sabato 15
  • SETTEMBRE
    Sabato 5 e Domenica 6
  • OTTOBRE
    Sabato 3 e Domenica 4
  • NOVEMBRE
    Domenica 1

In questo video, la straordinaria bellezza del Giardino di Ninfa

Biglietti Giardini di Ninfa

  • INDIVIDUALE:
    € 15,00
  • MINORI:
    Gratis sotto 12 anni
  • CONVENZIONI:
    €12,00

    + € 0,50 per prevendita online

Orari Giardino di Ninfa

  • DA MARZO A GIUGNO:
    9.00 – 18.00
  • DA LUGLIO A SETTEMBRE:
    9.00 – 18.30
  • DA OTTOBRE A NOVEMBRE:
    9.00 – 15.30
giardino di ninfa

Informazioni Utili Giardino di Ninfa

  • DURATA VISITA:
    60 min circa
  • PARTENZA VISITE:
    Ogni 10 minuti
  • SERVIZI:
    Ampio parcheggio, aree di sosta e servizi di ristorazione

Dove si trova il Giardino di Ninfa

Il Giardino di Ninfa si trova in provincia di Latina, tra i comuni di Norma e Sermoneta.

Una volta visitato il Giardino di Ninfa, sempre in provincia di Latina potete trovare il “Museo Piana delle Orme” ed il “Museo del Cioccolato”. Due luoghi assolutamente da visitare, che vi consigliamo quindi di non perdervi!

Potrebbe interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *