I Castelli della Valle d’Aosta

Voglia di vacanza all’insegna del mistero, del gotico e dell’originalità? Per gli appassionati ghostbuster i castelli della Valle d’Aosta sono un must.

Ma niente paura, la contessa Bianca Maria ama i turisti e la sua accoglienza nel castello di Issogne è ottima, sopratutto quando si trova davanti dei bei ragazzi. Si narra, infatti, che quando nel castello si presenti un bel giovane, non riesca a resistere e tenti di baciarlo!

I castelli della valle d'aosta

Sposa di Renato di Challant ma da lui trascurata per dedicarsi a raggiungere il maggiore consenso e potere possibile a fianco del Duca Carlo III di Savoia,  Bianca Maria non accettò di essere messa da parte e cercò attenzioni nelle corti milanesi.  Ma sembra che le sue storie amorose non durassero e che, una volta soddisfatta, uccidesse i suoi amanti. Fatale le fu l’omicidio di Ardizino di Valperga per cui fu decapitata il 20 ottobre del 1956 davanti al Castello Sforzesco di Milano.

Testimonianze raccontano di aver visto  nelle notti di luna piena una donna bellissima che regge una testa decapitata  sul loggiato del secondo piano o nei pressi del pozzo ottagonale  del castello di Issogne.

Il Fortedi Bard, a 45 km da Aosta, è un altro dei castelli medievali della Valle d’Aosta.

ForteBard-N640

Napoleone lo bombardò per un giorno intero prima di conquistarlo. Il punto più alto è visitabile seguendo un percorso fra i muraglioni, ma per i più  “comodini”, si può raggiungere anche prendendo gli ascensori panoramici in cristallo. Vicino al castello, da visitare, il Museo delle Alpi, multimediale, e l’Ecomuseo della castagna.

Segueno una mappa ideale dei castelli della Valle D’Aosta, avvicinandosi ad Aosta,  si arriva al castello di Fenis. Nato per motivi di difesa ma poi passato di mano alla famiglia Challant, rivela la sua anima di castello patrizio nella famosissima scena di affresco risalente al ‘400 di San Giorgio che uccide il drago.

Castello_di_Fenis_-_Totale

Spettacolo della natura, la vista a 360 gradi che si ha delle montagne intorno. Da godere, se il meteo dellaValle d’Aosta lo concede, assaggiando la Piata, dolce tipico a base di uvetta, frutta secca e mele.

Tanti i castelli medievali e visitabili della Valle D’Aosta, da segnalare il Castello di Sarre, ex propietà di Vittorio Emanuele II di Savoia, il Castello di Sarrio de La Tour, sulla strada per arrivare a Courmayer, il Castello di Verres, attaccato al castello di Issogne.

cartina_castelli

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *