I cipressi di Bolgheri

bolgheri

I cipressi che a Bolgheri alti e schietti van da San Guido in duplice filar” sono i versi della poesia di Carducci, Davanti a San Guido, che probabilmente tutti noi abbiamo studiato a scuola.

Oltre ad essere citato nella celebre poesia, Bolgheri è un magnifico borgo medioevale, vicono al mare ed immerso nella verde campagna toscana, tra gli ulivi ed i vigneti della cosiddetta Costa Etrusca.

bolgheri

Il viale dei cipressi citato dal Carducci passa appunto davanti all’Oratorio di San Guido, una piccola cappella in pietra grigia costruita nel 1703 dalla famiglia Della Gherardesca, mentre preseguendo si arriva al castello di Bolgheri.
Costruito probabilmente attorno al 700, il Castello di Bolgheri venne più volte rimaneggiato nel corso del medioevo. L’esterno è caratterizzato da una facciata in mattoni rossi, decorati da una serie di bifore e trifore.

Poco distate sorge il nucleo fortificato di Castiglioncello di Bolgheri, che domina i paesi di Bolgheri e Castagneto dall’alto della collina, da cui si gode di un meraviglioso paesaggio sulle campagne ed i vigneti della valle.
Il forte appartenne ai Gherardesca fino a metà del Quattrocento, passo poi ai Soderini e alla famiglia Incontri, finché nel 1801 tornò ai proprietari originari. Oggi il castello è una residenza privata, viene aperto ogni anno il 16 luglio, per la festa della Madonna del Carmine.

bolgheri

Il Rifugio Faunistico di Bolgheri è uno dei luoghi preferiti dagli appassionati di birdwatching e natura, questo parco di circa cinquecento ettari, infatti, mantiene la fisionomia della Maremma originaria, prima che la bonifica asciugasse le paludi.
I canneti qui si alternato a boschi di frassini, lecci e ginepri, che danno rifugio a molti piccoli animali ed a varie specie di volatili (falchi, gru, gufi e molti altri).
Il Rifugio Faunistico di Bolgheri è visitabile, previa prenotazione, da ottobre ad aprile.

Vi consigliamo di non lasciare Bolgheri senza aver provato la sua gustosa cucina, tra i piatti tipici c’è il cinghiale ed il fagiano, da gustare con gli ottimi rossi prodotti in zona.

Please follow and like us:
error

Potrebbe interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facebook
Instagram
LinkedIn
Twitter
Pinterest
YouTube