Rio de Janeiro: Carnevale ed oltre

Rio de Janeiro è la città delle emozioni e dei colori, nonostante i problemi di una metropoli, ogni giornata sembra scorrere a ritmo di Samba.
Grattacieli e quartieri alla moda sorgono a fianco delle zone più povere, un mix di allegria e saudade unico al mondo.
Su tutta la città domina il Cristo Redentore, la gigantesca e candida statua posta in cima al Corcovado, che con le braccia aperte sembra benedire ed abbracciare tutti gli abitanti.
Il Cristo Redentore, alt 30 metri più 8 metri del basamento, venne inaugurato nel 1931 e da allora è considerato il simbolo della città e dell’intero Brasile; tale è la sua bellezza e notorietà che è annoverato tra le 7 meraviglie del mondo moderno.
Ai suoi piedi si trova la meravigliosa Baia di Guanabara a, con alcune delle spiagge più famose al mondo, come Copacabana, il lido glamour amato dalle star di Hollywood, ed Ipanema, la preferita dai giovani per la sua movida frenata.

Rio de Janeiro
L’altro luogo simbolo di Rio de Janeiro è il Pan di Zucchero, che si può raggiungere prendendo la teleferica che parte dal Morro da Urca, ovviamente solo per chi non soffre di vertigini.
Il Centro, cuore finanziario e di classe della città, è caratterizzato da grandi grattacieli che si alternano a palazzi storici come il Teatro municipale, l’Arcos de Lapa, settecentesco acquedotto in stile romano trasformato in viadotto a fine ‘8000, la Chiesa della Candelaria, costruita nel 1775 ma più volte ristrutturata così da mostrare elementi di diversi stili, dal Barocco al Neoclassicismo e neorinascimentale.
La chiesa più particolare è senza dubbio la Cattedrale di Rio de Janeiro, ostruita tra il 1964 ed il 1979 possiede una forma conica ed è alta ben 96 metri.
L’evento più famoso è il Carnevale di Rio de Janeiro, una festa incredibile cui sembra partecipare l’intera città. Punto privilegiato per assistere alle sfilate è il Sambodromo, una strada appositamente progettata con delle gradinate davanti alle quasi danzano a ritmo di samba i carri allegorici e i ballerini delle decine di scuole di ballo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *