Il principato di Monaco

L’anno nuovo è appena cominciato, se l’oroscopo vi promette fortuna e prosperità potete metterlo alla prova giocando al Casinò di Montecarlo, lo stato più glamour e chic del mondo.

Il principato di monaco

Trascorrere un week-end nel Principato di Monaco sarà molto divertente anche se non siete milionari, il regno del lusso più sfrenato è, comunque, un luogo incantevole. Il Casinò è il simbolo di Montecarlo, la capitale, dove una puntata potrà cambiarvi la vita o farvi tornare a casa in autobus.
Il Casinò
di Montecarlo venne costruito sul finire dell’800 per risollevare le finanze dello stato, l’edificio è un capolavoro dello stile liberty, le stanze sono tutte riccamente decorate di marmi, statue e quadri allegorici.

Il principato di monaco

Le sale interne si dividono in base alla puntata minima, si parte da pochi euro per i Salon Ordinaire fino a una base di 500 euro per i tavoli più esclusivi. Se non volete spendere nulla, potete sempre limitarvi ad entrare nel bellissimo atrio lastricato in marmo, ornato da ventotto colonne ioniche in onice e magari fotografare le sculture e gli affreschi della Sala dell’Opera, dove vengono rappresentati concerti e balletti di grandi compagnie.

Chi preferisce i giochi più moderni può andare al Cafè de Paris, il più grande parco di slot machine d’Europa, arredato in stile futurista sembra lo scenario di un film di fantascienza.

Il principato di monaco

Se volete vedere come vive la famiglia reale, visitate il Palazzo del Principe, costruito nel XIII secolo racconta la storia del principato dall’epoca dei Guelfi e dei Ghibellini, fino al periodo napoleonico.  Normalmente sono visitabili circa quindici stanze del palazzo, oltre al Museo Napoleonico, che custodisce importanti cimeli del grande imperatore.

Per festeggiare la vittoria al casinò, ma anche per dimenticare la sconfitta, potete rilassarvi con una divertente caccia alle celebrità, che frequentato le spiagge ed i locali del lungomare del Principato di Monaco.

Please follow and like us:
error

Potrebbe interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facebook
Instagram
LinkedIn
Twitter
Pinterest
YouTube