I migliori luoghi per il Birdwatching in Italia

Il birdwatching è sempre più seguito dagli Italiani, che hanno scoperto l’affascinante arte di osservare, fotografare e catalogare gli uccelli.
La Lipu, l’associazione che promuove la tutela i volatili, ha realizzato una top ten dei migliori luoghi per il birdwatching in Italia. Sul sito della Lipu è possibile vedere una mappa di tutte le oasi italiane.

  1. Parco del Gran Paradiso (Piemonte).
    Questo parco è un vero paradiso per gli amanti del birdwatching.
    Qui, oltre a godere della natura incontaminata e di una ricca fauna, si può ammirare uno dei rapaci più maestosi e fieri, l’aquila reale,ma anche varie specie di passeriformi, ad esempio gracchio alpino, gracchio corallino, sordone, codirossone, culbianco, codirosso spazzacamino, fringuello alpino, merlo dal collare, cesena, beccafico, nocciolaia, luì bianco, venturose, zigolo muciatto, zigolo giallo, ortolano.I migliori luoghi per il birdwatching in Italia
  2. Monte Baldo (Trento e Verona).
    Il Monte Baldo è ben attrezzato per il birdwatching, passeggiando lungo i suoi sentieri si trovano piattaforme di osservazione da cui avvistare aquile, gufi, fagiali e galli cedrone, oltre a cianciallegre e canapini.
    Per chi muove i primi passi è l’ideale, se l’osservazione non dà molti risultati, si può sempre godere dello stupendo panorama del Monte Baldo.
  3. Riserva naturale regionale Isola della Cona-Foci dell’Isonzo (Friuli Venezia Giulia).
    In questa zona paludosa si sta mettendo in atto un “ritorno alle origini”, finalizzato a ricostruire un ambiente il più possibile incontaminato. Durante tutto l’anno è possibile ammirare numerosi animali, rettili ed anfibi, mentre in autunno si avvistano molti uccelli limicoli, cioè che prediligono gli ambienti fangosi, come i beccaccini, i combattenti e le pittime reali. Negli stagni è possibile osservare chiurli ed anatre. Il parco è attrezzato con aree di osservazione, anche per la stagione invernale.
  4. Delta del Po (Emilia Romagna).
    Nella zona paludosa del delta del Po si possono fare avvistamenti durante tutto l’anno, in primavera si trovano le specie nidificanti e molti rapaci come il falco palude, l’albanella, il gheppio, mentre in inverno si vedono cormorani, oche, anatre, aironi e cicogne. Ogni anno, tra aprile e maggio, si tiene, infatti, l’International Po Delta Birdwatching Fair, la fiera internazionale del birdwatching e del turismo, con seminari, corsi, concorsi e mostre fotografiche.

  5. Promontorio del Conero (Marche).
    Il Parco del Conero è la meta ideale per chi desidera unire il birdwatching alle vacanze al mare. Qui si possono avvistare molte specie migranti durante la primavera, oltre ad interessanti esemplari di rapaci come la poiana, il falco e lo sparviero. I novizi del birdwatching possono partecipare alle visite guidate con n ornitologo esperto.
  6. Isola di Capraia (Toscana).
    In primavere ed in autunno quest’isola diviene il luogo di sosta per molte specie migranti (pispola golarossa, merlo dal collare, ortolano, sordone, calandrella, Monachella).
    Il parco organizza dei corsi molto interessanti per chi si vuole avvicinare alla pratica del birdwatching.isola capraia

  7. Foci dell’Ombrone e Palude della Trappola (Toscana).
    La Maremma ospita alcune delle zone migliori per il birdwatching, in particolare il Parco della Maremma. Qui si trovano oche selvatiche, anatre, fischioni, gabbiani e capinere. Gli osservatori più attenti, o i più fortunati, potranno avvistare lo zigolo golarossa e lo zigolo delle nevi.
  8. Golfo di Manfredonia (Puglia).
    All’interno del Parco del Gargano si trova l’Oasi del lago Salso, un vero catalogo a cielo aperto dei volatili italiani. Qui trovano rifugio circa la metà delle specie di uccelli nidificanti in Italia.
  9. Stretto di Messina (Calabria)
    Gli amanti del birdwatching qui possono avvistare pecchiaioli, falchi palude, abanelle minori, albanelle pallide, aquile anatraie, poiane, nibbi, grillai e ogni tipo di falco. Questa magnifica zona è, purtroppo, a rischio a causa dell’inteso bracconaggio.
  10. Stagni del golfo di Cagliari-Molentargius (Sardegna).
    Dagli anni ’90 sono ritornati in Sardegna i fenicotteri, questi splendidi animali sono il fiore all’occhiello del Parco naturale regionale di Molentargius. I volatili godono qui di una grande protezione, tanto che per raggiungere alcune zone della riserva è necessario essere accompagnati da una guida.

Questi sono i migliori luoghi per il birdwatching in Italia come segnalato anche dalla LIPU.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *