Visitare Nottingham e la foresta di Sherwood

È stata presentata a maggio 2010 la nuova versione cinematografica del mito di Robin Hood, interpretato da Russell Crowe.
Il film del regista Ridley Scott ha rilanciato l’interesse verso questo eroico personaggio, le cui origini sono avvolte nel mistero.
Se la figura del fuorilegge che rubava ai ricchi per dare ai poveri è, probabilmente, una leggenda, decisamente reali sono, invece, la foresta di Sherwood e la città di Nottingham.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=wB87qRt6gaE[/youtube]

Visitare questi luoghi, teatro delle avventure che tanto ci hanno emozionato da bambini, può essere un piacevole diversivo durante una vacanza in Inghilterra.
La casa del peggior nemico di Robin, lo sceriffo di Nottingham, si trova sul fiume Trent, nell’Inghilterra centrale. In origine fu un villaggio sassone, oggi il grazioso borgo medioevale è un centro importante per il turismo.


Il castello di Nottingham è un’affascinante dimora del XVII secolo, edificata sui resti di un antico maniero, al suo interno ospita un museo con collezioni di tele, dipinti decorativi e oggetti d’uso militare. Nel cortile è stata posta una teatrale statua di Robin Hood che scaglia una freccia.
Per una sosta non c’è niente di meglio della locanda “Olde Trip to Jerusalem”, costruita nel 1189 è una delle più vecchie in Inghilterra, ed è molto probabile che vi abbia mangiato Robin Hood.
Il dedalo di gallerie e caverne sotto la città, risalente probabilmente all’epoca precristiana, si può visitare con una guida.

Se desiderate estendere la vostra visita, vi consigliamo un’escursione al castello di Belvoir, costruito da William il Conquistatore nell’undicesimo secolo.

La foresta di Sherwood è ampia circa 459 acri, molti maestosi cervi vivono tra le sue 900 querce secolari, tra cui risalta la Major Oak, che con i suoi ottocento anni è considerata la quercia più vecchia d’Inghilterra.
La foresta e la città di Nottingham fanno da sfondo, ogni maggio, al Festival di Robin Hood. La popolazione dà vita a un’immensa ricostruzione medioevale, che comprende figuranti, gastronomia d’epoca, lezioni di tiro con l’arco, parate e seminari.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=StwE-vASQ4w[/youtube]

Le altre località che fanno parte del mito sono la chiesa di Annesley, dove si narra che Robin Hood sia stato battezzato e Blidworth, la città natale di Lady Marian.
Gli spiriti più romantici non dovrebbero perdere una visita a Edwinstowe Church, la rustica chiesetta dove i due grandi innamorati si sposarono per poter poi vivere, come da tradizione, per sempre felici e contenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *