Home » Vacanze » Consigli utili » Le 5 nazioni più economiche dove vivere

Le 5 nazioni più economiche dove vivere

Proviamo per un attimo a immaginare un posto nuovo dove vivere o dove passare il “buen retiro” dopo la pensione.

Arriva un momento in cui ci si rende conto che probabilmente il posto in cui viviamo non è esattamente il posto in cui vogliamo stare. E, con l’euro forte, andare via dall’Italia potrebbe essere una strategia intelligente per vivere comodamente dei propri risparmi e magari anche aumentarli!

Qui abbiamo fatto una classifica delle 5 nazioni più economiche dove vivere e dove andare in vacanza secondo la fonte GOBankingRates sulla base dei dati Numbeo.com.

Le 5 nazioni più economiche dove vivere sono ordinate per quattro parametri fondamentali: il potere di acquisto di un salario medio, il costo dei servizi, dei beni di consumo e degli affitti.

Indice del potere d’acquisto di un salario medio: Misura il potere d’acquisto relativo di uno stipendio tipico in quel paese, rispetto all’Italia. Un potere d’acquisto inferiore acquista meno beni, mentre un potere d’acquisto più elevato ovviamente ne compra di più.
Indice del costo di affitto: confronta i prezzi di affitto degli appartamenti tipici del vari paesi con quelli italiani.
Indice del costo alimentare: confronta i prezzi di generi alimentari tipici del vari paesi con quelli italiani.
Indice dei prezzi dei consumatori: confronta i costi di beni e servizi locali – tra cui ristoranti, alimentari, trasporti e servizi – con quelli italiani.

Tra i Paesi meno cari, l’affitto è di almeno il 70% in meno rispetto a New York , il potere di acquisto è almeno il 40% in meno, e i beni di consumo e servizi costano meno del 30%. 

Vediamo ora, nel dettaglio, le 5 nazioni più economiche dove vivere.

1 – Sud Africa

Il Sud Africa è il paese più economico per vivere o andare in pensione. È anche il più grande produttore mondiale di platino, oro e cromo, che permette di far girare l’economia e creare ricchezza. Ciò ha provocato un potere di acquisto locale che è significativamente superiore a quello di tutti gli altri paesi, questo di fatto mette il Sudafrica al numero 1 tra i paesi più economici al mondo.

Insieme ad un più elevato potere di acquisto locale, Sud Africa offre un costo dei beni di consumo e dei generi alimentari bassi così come i costi di affitto.

Il potere d’acquisto locale è superiore del 26,9%
L’affitto è più conveniente del 87,5%
I generi alimentari sono più economici del 71%
I beni e servizi locali sono più economici del 65,8%

Per completezza di informazione, qui di seguito troviamo l’intera classifica delle 50 nazioni più economiche dove vivere. Dal meno caro che si trova al n. 1, al più caro che si trova ultimo in classifica.

2 – India

L’India è il paese più popoloso tra le 50 nazioni più economiche dove vivere con i suoi 1,25 miliardi di abitanti. Le sue industrie principali includono tessuti, prodotti chimici e trasformazione dei prodotti alimentari. L’India ha anche un potere relativamente alto di acquisto locale nelle principali città esaminate. Vivere in India può essere a buon mercato; il suo indice di affitto è molto basso, secondo solo dopo il Nepal. L’India ha anche alcuni dei prezzi più bassi per i beni di consumo e generi alimentari.

Il potere d’acquisto locale è inferiore del 20,9%
L’affitto è più conveniente del 95,2%
I generi alimentari sono meno costosi del 74,4%
I beni e servizi locali sono più economici del 74,9%

3 – Kosovo

Il Kosovo si trova in Europa orientale e confina con la Serbia, Albania e Macedonia. Ha una popolazione di 1,9 milioni, e materiali di estrazione minerali e delle costruzioni sono le principali industrie in Kosovo. Quando si tratta di costi, il Kosovo segna il più basso indice per beni di consumo e generi alimentari. Anche i costi di affitto sono bassi tra i più bassi.

Il potere d’acquisto locale è inferiore del 33,8%
L’affitto è inferiore del 91,5%
Generi alimentari sono meno costosi 75,8%
I beni e servizi locali sono più economici 72,6%

4 – Arabia Saudita

L’Arabia Saudita, grazie alla sua forte industria petrolifera incentrate sul greggio, raffinazione del petrolio e prodotti petrolchimici, è una delle nazioni più ricche. I generi alimentari sono costosi in questo paese desertico come anche i beni di consumo, ma avendo un pil pro capite di 24.161 € (secondo la Banca Mondiale), i suoi cittadini hanno un potere di acquisto locale tra i più alti al mondo.

Il potere d’acquisto locale è superiore del 33,6%
L’affitto è più conveniente del 85.9%
I generi alimentari sono meno costosi del 56,4%
I beni e servizi locali sono più economici del 49,4%

5 – Kazakistan

Il Kazakistan è uno stato dell’Asia centrale che confina con  Russia e Cina e si affaccia sul Mar Caspio. E’ il nono paese al mondo per estensione ed è circa nove volte l’Italia. Ha una popolazione di 18,2 milioni di persone. L’economia locale si basa su risorse naturali  come il carbone, il minerale di ferro e il petrolio. Il costo della vita (dei generi alimentari e dei beni di consumo) sono inferiori rispetto alla maggior parte delle  nazioni più economiche.

Nel dettaglio:

Il potere d’acquisto locale è inferiore del 38,2%
L’affitto è più conveniente del 88,9%
I generi alimentari sono meno costosi del 74,8%
I beni e servizi locali sono più economici del 68,7%

 




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *